Sport, ma non solo. Asteel, infatti, entra anche nel mondo della musica. Lo fa sostenendo Dj Skaly, il giovane artista Stefano Scali che buon successo sta ottenendo con i suoi mix.

Ecco chi è Dj Skaly.
La storia artistica di Stefano Scali, in arte Dj Skaly, ha inizio vent’anni fa. Era il 1999, quando il dj, poco più che ragazzino, spinto da un’intensa passione, muove i suoi primi passi nel disco bar del fratello maggiore.
Sin dalle prima battute il giovane dimostra delle qualità che a soli 16 anni gli permettono di iniziare a esibirsi in alcune discoteche storiche del Canton Ticino. Dopo qualche anno di esperienza, e raggiunta la maggiore età (2002), il Dj presenta il primo concept project musicale intitolato “Musica”. Ma Stefano è un vulcano in eruzione e non si accontenta del “semplice” mixare, vuole di più. Decide allora di lanciarsi in quella che è la sua passione più profonda: creare canzoni. Ovviamente il primo è un brano molto sperimentale e non porta certo i frutti desiderati.
Ma l’entusiasmo non si smorza e prendendo il primo brano come punto di partenza, il Dj ticinese crea la canzone “Fly” (fine 2005). Il brano cantato dall’amico di sempre Alessandro sembra avere successo. È così che il Dj inizia a frequentare sempre più assiduamente il mondo della musica, esibendosi in numerosi locali e arrivando pure ad aprire dj set di Gigi D’Agostino e Molella, vere pietre miliari del genere. Oltre a ciò muove i primi passi con collaborazioni radiofoniche e produzioni musicali, le quali però non risultano ancora all’altezza del mercato discografico.
Il brano del 2005, come accennato sopra, fu quello che permise di centrare il successo. Questo non arriva però nella madre patria e nemmeno nella vicina Italia, bensì in Slovacchia, dove la canzone domina le classifiche di musica dance. Conseguenza di ciò sono le molte serate come ospite principale davanti a un pubblico slovacco in visibilio. Da quel momento nasce ufficialmente la carriera come dj producer di Dj Skaly, che da quel momento diventerà una fabbrica di brani, tra i quali: “Summer Time”, “Tonight”, “Paradise”, tutti su etichetta DC Records.
Dopo una lunga pausa per rinnovare le idee e raggiungere la giusta maturità artistica, Stefano trova finalmente il collaboratore giusto (Rudy Di Vita, tecnico del suono e arrangiatore). La collaborazione con Rudy regala nuovo slancio al dj. Dal 2014 nasce una sorta di Dj Skaly 2.0 che lo porta a collaborare con cantanti emergenti svizzeri, americani, tedeschi e italiani. I testi dei nuovi brani narrano di una grande delusione nella vita di Stefano e tutto ciò lo si nota nella raffinatezza dei testi dei brani “Vita” e “Riprendici”. Questa delusione è però, come accennato, il nuovo trampolino di lancio per la mini rivoluzione personale del dj, che con rinnovato spirito e grande entusiasmo centra l’obiettivo di una vita: il primo album intitolato “22.05”.
Il 2018 si prospetta essere un anno molto caldo e impegnativo per il Dj. Molte le canzoni e le collaborazioni che bollono in pentola, a cominciare da quella con la splendida Sara voce che troviamo frequentemente nei brani del ticinese. Il primo passo sarà la nuova hit “When I was young” uscito a marzo 2018. Nel corso di quest’anno (2019) sono già stati pubblicati due brani: il primo è “Freedom” in collaborazione con Valery e Tilly C. https://www.youtube.com/watch?v=z_sOVAANz5E

Nella seconda parte di gennaio è invece stato pubblicato il remix in collaborazione con Tilly C. intitolato “One skin” con le tipiche sonorità de “il Menestrello” https://www.youtube.com/watch?v=stUES2ewZMA